QC Terme Bagni Vecchi Bormio | Bagni Romani

Un tuffo nella storia. Sentirsi come uno degli antichi viandanti che risalivano il sentiero verso lo Stelvio che a tutt’oggi lambisce i Bagni Vecchi.

Un viaggio a ritroso nel tempo. Anzi, un viaggio senza tempo. Come apparivano magiche queste sorgenti calde a chi era riuscito a varcare passi e montagne nel gelo delle Alpi e cercava calore e ospitalità dopo la fatica. Un segno di benevolenza di un dio o della natura per quegli uomini. Provate a immergervi allora nei Bagni Romani. Due ampie vasche, affiancate l’una all’altra, realizzate in una grotta dove già prima ancora che i romani le dedicassero ad Apollo, solevano immergersi e lavarsi antichi coraggiosi viaggiatori. Proprio lì dove scaturisce una delle nove sorgenti d'acqua termale, particolarmente ricca di fanghi sulfurei, sorgono ormai secolari i Bagni Romani.

Vasca Plinio il Vecchio:

lo scrittore naturalista latino nella sua Naturalis Historia del I sec. d.C. citò per primo la struttura dei Bagni di Bormio.

Vasca Cassiodoro:

il senatore romano che nel IV sec. d.C. loda le proprietà delle acque di Bormio in una lettera all’Imperatore Teodato.

Vasca dell’Arciduchessa:

grande vasca in legno all’aperto nel solarium antistante la grotta dei Bagni Romani.  La vasca risale al 1800 quando era d’uso riservato all’Arciduchessa d’Austria che era solita soggiornare ai Bagni di Bormio, usufruendo di una struttura riservata come si conveniva ad una donna di così alto lignaggio.

Hotel Pré Saint Didier

QC Terme e Benessere Srl
Via Bagni Nuovi, 7
23038 Valdidentro (SO)
ph +39 0342.910131

Mail:
info@bagnidibormio.it

Iscriviti alla newsletter

Presa visione della politica
di protezione dei dati personali